Bardana (Arctium lappa L.,fam Compositae) - http://luirig.altervista.org - Picture by Andrea Moro Pianta erbacea biennale con grossa radice fittonante. Il fusto, eretto e a volte rossastro, è molto ramificato e raggiunge anche 200 cm di altezza. Le foglie sono ovate o a forma di cuore, ruvide al tatto, picciolate quelle basali e sessili quelle inserite sul fusto; il colore è verde scuro nella pagina superiore e biancastro in quella inferiore. I fiori di colore rosa porpora sono riuniti in infiorescenze a capolino (2-4 cm) circondati da squame uncinate e riuniti in corimbi. Pianta di origine euroasiatica, in Italia è comunemente diffusa, tranne che in Sicilia, fino a 1100 m di altitudine.

 

 

 http://luirig.altervista.org - Picture by Andrea Moro

  

 

 

Bardana (Arctium lappa L.,fam Compositae) - http://luirig.altervista.org - Photo by Franco RossiIl nome del genere Arctiurn deriva dal greco arktos = orso , per le infruttescenze ispide, mentre il nome della specie lappa, deriverebbe dal greco labein = attaccarsi. Sempre per le infruttescenze che si attaccano a qualunque cosa avrebbe trovato ispirazione l’inventore del “velcro” come sistema di chiusura. In cucina si utilizzano le foglie giovani in insalata e le radici, cotte o crude; in Giappone si utilizza tradizionalmente la radice, che è fibrosa, con il nome di “gobo”.

 

 

 

 

 http://luirig.altervista.org - Photo by Franco Rossi

Riso integrale al forno con bardana

 

  

Ingredienti per quattro persone:

300g di riso integrale

300 g di besciamella leggera

150 g di radice di bardana

1 cipolla

pangrattato

olio extravergine d'oliva

sale  

Tagliate la radice di bardana, lavata e asciugata, a fettine, scottatela in acqua bollente, scolatela e soffriggetela assieme alla cipolla affettata finemente e precedentemente saltata in un poco d'olio su fuoco vivace. Nel frattempo avrete fatto cuocere in acqua il riso integrale che disporrete a strati con le verdure e la besciamella in una pirofila unta d'olio livellando la superficie con una spatola di legno. Ricoprite con besciamella l'ultimo strato, cospargete la superficie con del pangrattato, passate in forno già caldo a 180° C per 20 minuti, sfornate e servite.