In Italia sempre più medici prescrivono rimedi omeopaticiUn sondaggio di Omeoimprese dice che un medico di famiglia su cinque consiglia l'omeopatia per curare dolori muscolari e articolari o malanni stagionali, da sola o in associazione con i farmaci tradizionali.


Da una ricerca di EMG-Acqua per Omeoimprese, associazione che raggruppa le aziende produttrici e distributrici di farmaci omeopatici, emerge che sono circa 9 milioni gli italiani che si rivolgono all’omeopatia. Un quinto dei medici di famiglia la prescrive, sia come unico rimedio sia in associazione a medicinali tradizionali.

 Luc MontagnerSu un campione di trecento intervistati, fra medici, farmacisti, e docenti universitari, soltanto uno su dieci ne mette in discussione l’efficacia parlando di effetto placebo e solamente il 14% si rifiuterebbe di somministrarli. Il presidente dell’associazione, Giovanni Gorga, ricorda che l’Italia “è il terzo mercato europeo dopo Francia e Germania e il processo di regolamentazione in atto, frutto del recepimento da parte delle Istituzioni nazionali di direttive europee, ci consente di avvicinarci agli standard di moltissimi altri Paesi europei per quanto riguarda il riconoscimento dell’omeopatia”. Medici e farmacisti chiedono al ministero della Salute una maggiore informazione sull’efficacia dei farmaci, utilizzo e posologia. “La strada da intraprendere – ha detto il presidente di Omeoimprese - è quella di un lavoro congiunto per regolamentare, anche in Italia, tutti quegli aspetti che ancora oggi risultano non definiti”, come ad esempio “l’inserimento del foglietto illustrativo” e più attenzione da parte delle istituzioni verso una “corretta e trasparente comunicazione.

Intanto, come riportato su Repubblica del 22 ottobre 2019, interviene ancora  Luc Montagner (premio Nobel per la medicina nel 2008 per la scoperta nel 1983 del virus della immunodeficienza acquisita - Hiv - che causa l'Aids):  "L'omeopatia ha una base scientifica, ma viene ignorata, è un problema della scienza che mette a tacere tutto ciò che può mettere in crisi l'economia", ha detto Montagnier intervenendo alla XIII Conferenza internazionale sulla sostenibilità e la rigenerazione urbana svoltasi presso l'Università di Valencia.