Ambulatorio veterinario d.ssa Romanini - omeopatia veterinaria- Salsomaggiore Terme

Cicoria comune (Cichorium intybus L.frirn. Asteraceae)  - http://luirig.altervista.org - Picture by Pancrazio CampagnaPianta erbacea che può essere annuale, biennale o perennante; da questa specie selvatica, sono state derivate le numerose varietà di radicchio coltivato. Il fusto, che compare al secondo anno, è ramificato e può essere eretto o ramificato, può raggiungere anche i 100 cm di altezza. Le foglie sono pennatopartite con margine roncinato o dentato, si formano, nel primo anno durante l’autunno-inverno; alla base si forma una rosetta di foglie prostrata che secca alla fioritura.

 

 

 

http://luirig.altervista.org - Picture by Pancrazio Campagna

I fiori, tutti ligulati, che sono di un bel colore azzurro e si riuniscono in una infiorescenza, a capolino stellato. Pianta cosmopolita, è conosciuta fin dall’antichità per cui non è facilmente collocabile la sua zona di origine; il papiro di Erbes (1550 a.C.) già ne cita l’uso; cresce spontanea nei nostri ambienti. Il nome del genere Cichoriuni potrebbe derivare dal greco Kichòreia = cicoria. Le foglie della rosetta invernale della varietà spontanea, raccolte in primavera prima della formazione del fusto, sono utilizzate in cucina per insalate fresche o cotte; in alcune zone dell’Italia meridionale esisteva il “cicoriaro” che raccoglieva la cicoria selvatica e la vendeva nei mercati. La radice, seccata e tostata, era utilizzata come sostituto del caffè: “Caffè di Prussia” (il nome da Federico il Grande di Prussia che ne favorì la produzione).

 

ZUPPA DI PANE CON CICORIA SELVATICA

 

Ingredienti per quattro persone:

otto fette di pane raffermo

erbe selvatiche ( cicoria, crespino, caccialepre, borragine, finocchio selvatico) 400 gr

olio extra vergine di oliva 

parmigiano grattugiato

sale


Far bollire in due litri di acqua le foglie di cicoria selvatica (Cichorium intybus), crespino (Sonchus oleraceus], caccialepre (Reichardia picroides), borragine (Borrago officinalis), finocchio selvatico (Foeriiculum vulgare). Verso fine cottura immergere in esse fette di pane raffermo, scolare l'acqua in eccesso e condire con abbondante olio extra vergine di oliva e parmigiano grattugiato a piacere.

 


 Prenota la tua vista omeopatica a:

Salsomaggiore T.
Milano
Verona
Lonato del Garda (BS)

ContattiContatti

Ci sono due tipi di medicina quella degli schiavi e quella degli uomini.
Quella degli schiavi deve rimuovere rapidamente il sintomo perché possano tornare a lavorare.
Quella per gli uomini liberi cerca di capire il sintomo, il suo significato per la salute del corpo nella sua unità indivisibile, per giungere all’equilibrio di tutta la persona”.
PlatoneContattiOmeovet si occupa  principalmente di omeopatia veterinaria,  di igiene e salute animale, ma anche di igiene degli alimenti, di agricoltura e zootecnia biologica. Un luogo d'incontro rivolto a tutti, aperto al dialogo, dove instaurare un rapporto confidenziale e di fiducia fra amici degli animali e dell'ambiente. omeovet - omeopatia veterinaria  - Dott.ssa Romanini - Salsomaggiore Terme  - Parma

Dott.ssa Romanini M. Gabriella
veterinario omeopata

Ricevo previo appuntamento:

  • Salsomaggiore T. 
  • Milano
  • Verona
  • Lonato del Garda (BS)

 

ContattiScrivetemi,  risponderò al più presto alle vostre domande

La mia città

Salsomaggiore Terme - Terme Berzieri
Salsomaggiore Terme

Seguimi su Facebook!